giovedì 7 febbraio 2008

Via Giorgio Almirante

Il presidente provinciale torinese di Alleanza Nazionale Agostino Ghiglia ha presentato al presidente del Consiglio Comunale di Torino una proposta: intitolare una via di Torino a Giorgio Almirante.
Tra le motivazioni leggo, basito, della sua "intelligenza e dirittura morale", o addirittura del suo ruolo fondamentale nella ricomposizione dei conflitti del dopoguerra convogliando gli ex repubblichini in un movimento "democratico" come l'MSI.
L'unica cosa su cui non ho nulla da ridire è l'indubbia intelligenza di Almirante. Ricordo quando, da ragazzino, lo ascoltavo durante le tribune politiche (che in televisione non c'erano mille canali come oggi, e quando ti beccavi Zatterin ed i suoi ospiti, ti toccava sorbirteli), e devo ammettere che le sue capacità oratorie erano indiscutibili. Parlava bene, in maniera affabile. Peccato dicesse cumuli di stronzate.
Ma sulla sua rettitudine morale o sugli aneliti democratici, beh... permettetemi di avere dei dubbi.
Un democratico che guidava le squadracce fasciste armate di bastoni all'università di Roma nel '68 (vedi foto), quelle stesse squadracce fasciste da cui uscirono i vari Tuti e Delle Chiaie, Ordini nuovi e Neri assortiti.
Un uomo di tale statura morale da scrivere ottimi articoli su giornali dal nome inequivocabile (La difesa della razza), per perorare la causa delle leggi razziali.
Quello stesso uomo che, nel 1944, emana un bando in cui si intima la resa ai partigiani, minacciando la fucilazione alla schiena per chi non si fosse arreso e fosse stato successivamente catturato. A seguito di tale bando, 83 abitanti di Niccioleta, un paese della Toscana, vengono massacrati dai Nazisti.
Incredibile.
Ma in ogni caso sono completamente d'accordo: Via Giorgio Almirante (e via anche tutti i fascisti da Torino).

2 commenti:

Anonimo ha detto...

forse è stato meglio intitolRE VIE A QUALL'ASSASSINO DI TOGLIATTI SPIA E CARNEFICE AL SOLDO DI STALIN,AUTORE DELLO STERMINIO DEGLI ANARCHICI SPAGNOLI " STORIco"

Sisifo Felice ha detto...

Sarai anche Storico, ma la tua logica mi sfugge.
Se in passato e' stata fatta una cazzata a sinistra, questo ti autorizza a farne una a destra?
Cos'e', il principio delle pari opportunita' politiche?
La logica della rappresaglia?