mercoledì 11 dicembre 2013

Ciao Peloso

Sei entrato nella nostra vita in una fredda serata del marzo 2000, portato a casa in una scatola di crocchette, tanto eri piccolo. Qualche giorno dopo ti sei presentato per quella piccola peste che saresti stato quando, mentre eravamo seduti a cena, ti sei arrampicato sulla mia schiena per finire la tua corsa direttamente nel piatto del caciucco che stavamo mangiando.
Ti arrampicavi dappertutto, vivendo sui pensili ed arrivando fin sul condizionatore. Mi sembrerà strano, questa sera, andare a dormire e non dover conformare la mia posizione alle tue esigenze e non sentirti accovacciare nell'incavo posteriore delle mie ginocchia. E sabato mattina, quando la sveglia non suonerà alle 6:40 come tutti i giorni, non sentirò più, a quell'ora, il tuo flebile miagolio per dirmi che bisogna alzarsi.
Tante immagini, tanti ricordi, tanti episodi. 
Ancora ieri sera, dentro la gabbietta di ritorno dal veterinario, fermi in macchina da un'ora a causa dei blocchi dei forconi in Piazza Rebaudengo, mi leccavi le dita attraverso lo sportellino della portantina, ed io tenevo il motore acceso per poter riscaldare l'abitacolo per non farti prendere freddo.
Questa sera ci hai lasciato dopo quasi quattordici anni di fedele compagnia, ma resterai per sempre nel nostro cuore, ovunque tu sia adesso.
Ciao, Peloso.


2 commenti:

Doomer ha detto...

Ciao scusami il disturbo, ho incrociato casualmente il tuo blog e sono rimasto molto colpito, ho deciso di inserirmi tra i tuoi lettori fissi, in modo da ritrovarti..A tal proposito ti chiedo di far lo stesso con il mio http:\\prodotticoop.blogspot.com in modo da poterci non perdere e seguirci e leggerci qualche volta. E' un modo anche per indicizzare il nostro blog e renderlo più vivo.Naturalmente sei la benvenuta..Mi scuso davvero, per la mia intrusione, spero che cmq sia gradita..Spero a presto..

Carla ha detto...

Un post molto interessante!.Ciao passa da qui se vuoi grazie :)
www.ezinemarketers.com